top of page

Aggiornamento corona

Inzwischen ist klar, dass niemand an Corona stirbt, wenn der Vitamin-D-Spiegel hoch genug ist, nämlich mindestens 50 ng/ml.

Carmona_letter_preamble_edited.jpg
215 medici di 33 paesi chiedono nuove linee guida,

perché innumerevoli studi dimostrano che bassi livelli di vitamina D nelle infezioni da Covid-19 favoriscono ricoveri e decessi.

Chiedono l'immediata diffusione di una maggiore assunzione di vitamina D.

La nuova linea guida internazionale:

Per precauzione, il livello di vitamina D dovrebbe essere costantemente aumentato

  • per i trentenni almeno 30 ng/ml

  • per i cinquantenni almeno 50 ng/ml

  • per i sessantenni almeno 60 ng/ml

  • per gli ottantenni almeno 80 ng/ml

DemoFoto.JPG
La vitamina D è confermata

come farmaco efficace

contro il Covid-19.

Spettacoli di vitamina D

un effetto protettivo

del 75%.

Perché il sistema immunitario fallisce

in alcune persone nonostante la vaccinazione? I pazienti in terapia intensiva con carenza di vitamina D hanno troppo poche cellule killer, mostra un nuovo studio di Atene.

Il problema della carenza di vitamina D

ora è stato riconosciuto in Turchia: radio e NTV riportano le nuove raccomandazioni per l'assunzione di vitamina D.

Raccomandazione nonostante la vaccinazione

​Un livello di vitamina D di almeno 50 ng/ml dovrebbe essere mantenuto per ridurre il rischio di morte per corona allo zero percento.

Assunzione ritardata di vitamina D

cioè solo 10 giorni dopo l'inizio dei sintomi - purtroppo non ha alcun vantaggio significativo per l'ulteriore decorso della malattia.

Non abbastanza cellule killer - perché?

La causa di troppo poche cellule killer

è una carenza di vitamina D,

in particolare, un livello di vitamina D inferiore a 50 ng/ml.

La vaccinazione contro SARS-CoV-2 non è mai stata necessaria,

perché non c'è mai stata una pandemia di Covid-19 in Germania, come dimostra, tra l'altro, il fatto che

1.) nel 2020 non c'è stato eccesso di mortalità,

2.) l'occupazione ospedaliera nell'ormai biennale "pandemia" era ed è storicamente bassa e

3.) la mortalità per infezione da SARS-CoV-2 non è mai stata neanche lontanamente minacciosa. Nel frattempopersino individuare i media mainstream come il Financial Timesla mortalità per infezione da SARS-CoV-2 è inferiore a quella dell'influenza stagionale. Ciò significa che lo sviluppo del vaccino non è mai stato una priorità assoluta per motivi medici. Era quindi ancor meno giustificato usare l'allarmismo e il ricatto politico per costringere le persone a farsi iniettare una miscela a base di un principio attivo che non era mai stato utilizzato prima nell'uomo.

Per capire perché queste sostanze, erroneamente chiamate “vaccini a mRNA”, non possono funzionare come vaccino contro il SARS-CoV-2 e allo stesso tempo sono estremamente pericolose per le persone a cui vengono iniettate, bisogna capire cosa accade realmente nel corpo dopo tale iniezione. Quindi di cosa sono fatti questi vaccini? In parole povere, sono piccole sfere cave fatte di lipidi sintetici (grassi in senso lato) che contengono molecole di RNA modificato (questo punto diventerà importante in seguito). Queste sfere, chiamate nanoparticelle lipidiche, sono sospese in una soluzione acquosa e questa sospensione viene iniettata nel muscolo della parte superiore del braccio. Per un po' si è sostenuto che le nanoparticelle lipidiche rimanessero prevalentemente nel sito di iniezione, ma era chiaro fin dall'inizio che questa affermazione era sbagliata. Nella maggior parte dei casi (a meno che non venga colpito un vaso sanguigno), le nanoparticelle lipidiche entrano nello spazio tra le cellule muscolari come risultato dell'iniezione. C'è sempre del fluido in questo spazio intercellulare, il fluido tissutale. Questo fluido proviene, tra l'altro, dai capillari sanguigni, i sottili vasi sanguigni che forniscono ai tessuti ossigeno e sostanze nutritive. Tuttavia, il fluido tissutale deve essere almeno parzialmente rimosso: ciò che accade quando questa rimozione non funziona correttamente può essere visto nelle persone con edema o quando rimaniamo seduti a lungo e di conseguenza le nostre gambe si gonfiano. Il sistema linfatico, un sistema vascolare cieco nel corpo umano, si occupa di questa rimozione del fluido tissutale. Quindi era chiaro fin dall'inizio che una parte significativa delle nanoparticelle lipidiche sarebbe finita nel sistema linfatico. I vasi linfatici si uniscono gradualmente per formare vasi più grandi, per cui il sistema linfatico non serve solo a rimuovere il fluido tissutale, ma svolge anche un ruolo importante nel sistema immunitario. I linfonodi, che fungono da "stazioni filtro" e normalmente bloccano virus e cellule tumorali e li rendono innocui, sono particolarmente importanti qui. Alcune delle nanoparticelle lipidiche si incastrano nei linfonodi, ma altre li attraversano ed entrano nel flusso sanguigno con il fluido linfatico, poiché il sistema linfatico si apre negli angoli venosi vicino al cuore e il fluido linfatico viene assorbito nel sangue. Il sangue venoso scorre nella metà destra del cuore e da lì nei polmoni e nei capillari polmonari. Da lì risale al lato sinistro del cuore e da lì il sangue viene poi pompato in tutto il corpo e raggiunge i vari tessuti e organi. Gli organi con un elevato apporto di sangue, come il cuore, il fegato, la milza, i reni e il cervello, sono di particolare interesse in questo contesto. Infine, il sangue ritorna al lato destro del cuore attraverso le vene. Questa descrizione dettagliata è importante perché in qualsiasi momento di questo viaggio, le nanoparticelle lipidiche possono aderire alle cellule e le molecole di RNA modificate possono entrare nelle rispettive cellule.

Producono ancora proteine spike dopo 90 giorni

Anche i normali vaccini seguono lo stesso percorso, ma sono costituiti da proteine e coadiuvanti (sostanze ausiliarie che assicurano una risposta immunitaria più forte). Le proteine sono riconosciute dall'organismo come antigeni e hanno un effetto immunogenico diretto, cioè innescano una risposta del sistema immunitario che, tra l'altro, porta alla formazione di anticorpi contro i rispettivi antigeni. I "vaccini" della corona funzionano secondo un principio completamente diverso. Prima di tutto, va chiarito che non contengono RNA normale, ma un RNA modificato (modRNA), poiché uno dei quattro elementi costitutivi, l'uridina, è stato sostituito da un elemento costitutivo chimicamente significativamente diverso, vale a dire la pseudouridina, in tutto più di 800 siti, dove è possibile trovare un'uridina nella sequenza originale. Questa modifica chimica ha una serie di ragioni o effetti. In primo luogo, l'RNA normale, una volta entrato nei tessuti come RNA libero, innesca una potente risposta infiammatoria. Questa risposta del sistema immunitario è fortemente inibita dall'uso della pseudouridina al posto dell'uridina. Se il modRNA entra in una cellula, assume sostanzialmente lo stesso compito del normale, il cosiddetto RNA messaggero (mRNA), viene utilizzato dal macchinario cellulare come stampo per la produzione della proteina codificata nella sequenza dei quattro elementi costitutivi, nel caso di quello utilizzato modRNA della proteina spike SARS-CoV-2. Tuttavia, il modRNA viene letto in modo più efficiente rispetto al normale mRNA, il che significa che viene prodotta una quantità significativamente maggiore di proteine spike. Inoltre, il modRNA è difficilmente degradato dalla cellula perché gli enzimi responsabili del normale mRNA difficilmente possono degradare il modRNA. Mentre l'mRNA endogeno viene degradato in pochi minuti o ore, in casi estremi in pochi giorni, è stato recentemente dimostrato che il modRNA utilizzato nelle cellule dei centri germinativi dei linfonodi provoca ancora la produzione della proteina spike anche dopo 90 giorni. Ora quali sono le implicazioni? Per rispondere a questa domanda, devi prima considerare due cose: 1.) La proteina spike SARS-CoV-2 è una proteina estranea per l'organismo umano, il che significa che innesca una reazione nel sistema immunitario. 2.) La proteina spike ha un effetto tossico (velenoso) sul corpo umano, innesca tra l'altro la trombosi. La proteina spike, che è prodotta dal meccanismo cellulare nelle cellule che hanno assorbito il modRNA, può essere presentata al sistema immunitario sulla superficie cellulare o essere rilasciata all'esterno attraverso la superficie cellulare, in parte anche incorporata nel cosiddetto esosomi, cioè piccoli Particelle lipidiche da lipidi endogeni, non i lipidi sintetici delle nanoparticelle lipidiche. Se una cellula presenta la proteina spike sulla sua superficie, attiva una risposta immunitaria. Tuttavia, non solo porta alla formazione di anticorpi, ma il sistema immunitario umano elimina anche la cellula che presenta la proteina estranea. Ciò significa che il sistema immunitario attacca sempre il proprio corpo in una certa misura, motivo per cui il principio della "vaccinazione a mRNA" è effettivamente fuori discussione. Il danno tissutale si verifica nei tessuti in cui raggiungono le nanoparticelle lipidiche, il che è particolarmente problematico nei tessuti che non sono o sono difficilmente in grado di rigenerarsi, come il tessuto del muscolo cardiaco o le cellule nervose nel cervello. Se una quantità sufficiente di nanoparticelle lipidiche penetra nel tessuto del muscolo cardiaco, ciò può scatenare la miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco), che ora è un noto effetto collaterale. Anche la miocardite non guarisce completamente, poiché il muscolo cardiaco non può rigenerarsi, ma solo cicatrici. Tuttavia, l'espressione della proteina spike ha effetti devastanti anche nelle cellule endoteliali, cioè le cellule che rivestono il flusso sanguigno, poiché la conseguente distruzione delle cellule endoteliali può scatenare la trombosi, che è anche un noto effetto collaterale. Tuttavia, questi possono anche essere attivati dalla proteina spike prodotta in altre cellule se entra nel flusso sanguigno, poiché la proteina spike da sola può innescare la trombosi legandosi alle cellule endoteliali. Nei primi giorni dopo l'iniezione del modRNA, lo studio biotecnologico ha riscontrato anche una diminuzione del numero di globuli bianchi, cioè il sistema immunitario è immediatamente indebolito.

Arresto del cuore infiammato e sovraccarico

Ma ci sono altri problemi. Non è solo che non sappiamo in quali cellule è espressa la proteina spike. Inoltre, poiché non esistono due organismi umani uguali, non si sa quanta proteina spike produca ogni individuo, né quanto dura tale produzione. Inoltre, la qualità del lotto è molto variabile, per cui ci sono anche lotti che non innescano alcun effetto perché non contengono quasi nessun modRNA che possa essere tradotto in proteine. Inoltre, possono verificarsi anche iniezioni endovenose involontarie delle nanoparticelle. Questi effetti si traducono in una variabilità nella posizione, nella quantità e nella durata della proteina spike nel corpo, il che spiega certamente, almeno in parte, l'ampia variabilità nella natura e nella gravità degli effetti collaterali osservati. In una persona anziana che si muove poco e soffre di insufficienza cardiaca clinicamente manifesta, che è esternamente riconoscibile come edema ("acqua nelle gambe"), una percentuale maggiore di nanoparticelle lipidiche rimane probabilmente nel sito di puntura rispetto a un giovane atleta agonista - il che sicuramente spiega, almeno in parte, il gran numero di atleti agonisti con problemi cardiaci dall'inizio della campagna vaccinale. Gli atleti competitivi, in particolare quelli che ricevono un'iniezione endovenosa involontaria delle particelle, disperdono rapidamente ed efficacemente le nanoparticelle lipidiche dal sito di iniezione al tessuto miocardico dove iniziano il loro lavoro distruttivo. Quando il cuore è messo a dura prova sul campo di gioco, il cuore infiammato e sovraccarico si ferma, come è accaduto in modo allarmante spesso dall'inizio della campagna vaccinale. Questa variabilità nella quantità e nella durata della produzione di proteine spike rappresenta anche – oltre al sistema immunitario che attacca le proprie cellule corporee – il secondo problema, in linea di principio irrisolvibile, dell'approccio mRNA, che in realtà lo proibisce in generale. Così comeProfessore Martin Haditschha più volte sottolineato, ciò significa che quando si inietta il modRNA non è possibile alcun controllo della dose, cioè non è possibile controllare la quantità di antigene a cui l'organismo è esposto, sebbene la quantità di antigene iniettata sia un fattore assolutamente critico nelle vaccinazioni e debba essere bilanciata con precisione . Tuttavia, questo semplicemente non è possibile quando si inietta il modRNA. Il problema successivo è che il modRNA utilizzato codifica solo per la proteina spike. Ciò si traduce in una risposta immunitaria molto più stretta rispetto a un'infezione da SARS-CoV-2, in cui si formano anticorpi contro molte diverse caratteristiche dell'involucro del virus. Questo ha due importanti conseguenze. In primo luogo, il virus può eludere più facilmente la risposta immunitaria quando si verificano mutazioni nella proteina spike, poiché alcuni degli epitopi (strutture specifiche contro le quali vengono prodotti gli anticorpi) contro i quali sono diretti gli anticorpi prodotti durante la "vaccinazione" (dove questo effetto è piccolo, così come l'intero effetto del vaccino, vedi sotto). In secondo luogo, c'è il cosiddetto peccato antigenico originale. Questa espressione descrive il fenomeno per cui il sistema immunitario umano, una volta entrato in contatto con un epitopo, tende a produrre anticorpi diretti contro l'epitopo di primo contatto anche quando questo viene a contatto con epitopi simili. Questo potrebbe anche essere uno dei motivi per cui i "vaccini omicron specifici" sono diventati così silenziosi: gli studi pilota non hanno riscontrato alcuna maggiore efficienza rispetto ai "vaccini corona" originali. Poiché la risposta immunitaria è molto più ampia nel caso di un'infezione precedente rispetto al caso dell'iniezione di modRNA, questo fenomeno gioca un ruolo molto minore nell'immunità dovuta a un'infezione. Il Ministero della Salute islandese ha costantemente riconosciuto che infettare la maggior parte possibile della popolazione è l'unica via per l'immunità di gregge, anche se condizionata, e ha proclamato: "La diffusa resistenza sociale al COVID-19 è la via più importante per uscire dall'epidemia . Per raggiungere questo obiettivo, il maggior numero possibile di persone deve essere infettato dal virus perché i vaccini, anche se offrono una buona protezione contro malattie gravi, non sono sufficienti all'epidemia. con il virus in quanto i vaccini non sono sufficienti, anche se forniscono una buona protezione contro malattie gravi.") L'ultima mezza frase è sbagliata, il che spiega chiaramente i numeri Mostra la Gran Bretagna, come vedremo.

Nessuna protezione contro le infezioni respiratorie primarie

Perché c'è un altro motivo per cui l'attuale "approccio vaccinale" non può funzionare, a meno che non si manipolino i numeri, ma anche in questo caso, ovviamente, funziona solo sulla carta, non nella realtà. Questo motivo è che, nonostante molte affermazioni contrarie, SARS-CoV-2 è un virus respiratorio. Ciò significa che infetta le cellule della mucosa delle vie respiratorie, inizialmente nella cavità orale e nasale, ma anche nella faringe ed eventualmente - se una persona non è in grado di produrre una risposta immunitaria adeguata - anche nei polmoni, il che può portare a una polmonite atipica (virale). Come con altri virus respiratori, un'infezione sistemica, cioè che interessa tutto il corpo, può verificarsi solo in persone con un sistema immunitario gravemente indebolito, che in SARS-CoV-2 può quindi portare a un'infiammazione della parete dei vasi sanguigni, nota come malattia endoteliale . Ed è proprio qui che si trova il diavolo nel dettaglio immunologico, come il Prof. Bhakdi ha spiegato ripetutamente per mesi senza essere ascoltato dai "decisori" tedeschi. Un diverso tipo di anticorpo, vale a dire gli anticorpi IgA secreti, è responsabile della difesa immunitaria sulle membrane mucose rispetto alla difesa immunitaria sistemica, in cui vengono utilizzati gli anticorpi IgG. Il problema è che un'iniezione di modRNA nel muscolo porta essenzialmente alla formazione di IgG, ma non di IgA secrete, motivo per cui questo tipo di "vaccinazione" semplicemente non può portare all'immunità della mucosa - che, tra l'altro, è da manuale immunologico conoscenza. Naturalmente, questo significa anche che questa "vaccinazione" non può assolutamente ottenere alcuna protezione dall'estero per motivi di immunofisiologia, poiché non offre alcuna protezione contro l'infezione respiratoria primaria, che è la fase decisiva per la trasmissione del virus ad altre persone. Ciò che si può vedere in modo impressionante anche dal fatto che file di persone che sono state "vaccinate" due, tre volte o meno non solo sono risultate positive, ma mostrano anche sintomi. Ciò che inizialmente sembra possibile per ragioni teoriche è l'autoprotezione contro decorsi gravi (cioè sistemici), poiché gli anticorpi IgG dovrebbero effettivamente avere un effetto qui. Tuttavia, i decorsi gravi si verificano praticamente solo nelle persone con un sistema immunitario gravemente indebolito, cioè nelle persone che non mostrano quasi nessuna risposta immunitaria a una vaccinazione di qualsiasi tipo perché per questo è necessario un sistema immunitario funzionante.

Piuttosto che una protezione esterna, è più una minaccia per gli altri

L'inefficacia delle iniezioni di modRNA, che ci si poteva aspettare fin dall'inizio, sotto ogni aspetto, è ora chiaramente evidente anche nei dati statistici - almeno nei paesi in cui, a differenza della Germania, sono almeno ragionevolmente ricevuti in modo affidabile, come come la Gran Bretagna. Qui mostral'attuale rapporto del governo, ampiamente valutato daProfessor Thomas Rießinger su reitschuster.deche attualmente in tutte le coorti di età a partire dai 18 anni, cioè le fasce di età per le quali, secondo gli auspici di Karl Lauterbach, si applicherà presto in Germania la vaccinazione generale, i “tripli vaccinati” hanno un tasso di “casi Covid-19” più elevato rispetto i “non vaccinati”. Invece di proteggere gli altri, è più probabile che la "vaccinazione" metta in pericolo gli altri, se non del tutto. Ma anche l'autoprotezione che è stata sempre più ricercata nella discussione ultimamente non può essere davvero dimostrata in modo convincente. Quando si parla di ricoveri nella fascia di età dai 60 ai 79 anni, i “tre volte vaccinati” hanno un tasso inferiore rispetto ai “non vaccinati”. In tutte le altre fasce di età, comprese quelle di 80 anni e oltre, sono ancora i non vaccinati a stare meglio. Sembra un po' meglio, almeno in superficie, quando si tratta di morti. Solo nelle due fasce di età dai 18 ai 29 anni e over 80 i “non vaccinati” stanno meglio dei “tripli vaccinati”. Quindi, quando si tratta del duro punto finale della morte, la campagna di vaccinazione è un completo successo? Non proprio, perché la fascia di età superiore agli 80 anni è responsabile di oltre la metà di tutti i decessi. E si può inserire nel calcolo questa distribuzione ineguale dei casi per fascia di età, che si riscontra anche nei ricoveri, e calcolare un bilancio complessivo ponderato. Questo equilibrio complessivo tiene conto sia del fatto che tutte le persone di età superiore ai 18 anni dovrebbero essere soggette in futuro alla vaccinazione obbligatoria, sia che le diverse fasce di età mostrano un carico di malattia molto diverso in termini di ricoveri e decessi. Nel periodo considerato i decessi sono stati solo 6 per entrambi i gruppi nella fascia di età 18-29 anni, mentre il solo gruppo over 80 ha avuto 182 decessi tra i “non vaccinati” e 2.765 tra i “tre vaccinati”. Intendiamoci, si tratta solo del saldo della "vaccinazione" in relazione ai "ricoveri per Covid-19" e ai "decessi per Covid-19", gli effetti degli effetti collaterali non sono ancora presi in considerazione qui. Tuttavia, questo calcolo può essere omesso per i "casi Covid-19" perché i "tre volte vaccinati" hanno comunque prestazioni peggiori in tutte le fasce d'età rispetto ai "non vaccinati". Per i ricoveri, questo calcolo mostra che la "vaccinazione" aumenta la probabilità di ricovero del 17,8% in tutte le fasce d'età. E anche se i decessi per la "vaccinazione" sembrano un po' migliori, i "tre volte vaccinati" hanno ancora una probabilità dell'8,7% in più di morire di Covid-19 rispetto ai "non vaccinati". La vaccinazione quindi non rappresenta solo un rischio per gli altri, ma – come prevedibile – anche per se stessi, sia in termini di ricovero che di morte per Covid-19. Per dirla ancora una volta molto chiaramente, nell'attuale set di dati del Regno Unito, il modRNA significa che, per usare la terminologia ufficiale tedesca, PIÙ persone hanno "provato di essere infette da SARS-CoV-2", PIÙ persone sono "ricoverate in ospedale con Covid -19 will” e ALTRO “I pazienti Covid-19 muoiono”. E poi c'è tutto il bouquet di effetti collaterali, dalla miocardite alla paralisi facciale all'attivazione di virus dormienti nel corpo, che possono portare al fuoco di Sant'Antonio, per esempio.

Completa vittoria sul discorso scientifico aperto

Quindi puoi vedere ciò che era chiaro fin dall'inizio per ragioni immunologiche: l'effetto protettivo delle iniezioni di modRNA contro un'infezione da SARS-CoV-2 non esiste e l'affermazione che le "vaccinazioni" proteggerebbero da un decorso grave è sbagliata nel suo opposto quando si guardano numeri a metà strada affidabili. Sulla base di questi soli fatti, le iniezioni dovrebbero essere immediatamente sospese, anche l'idea della vaccinazione obbligatoria, così come qualsiasi discussione in merito, avrebbe dovuto effettivamente essere fatta in vista di questi risultati disastrosi. Allo stesso tempo, e anche questo era chiaro fin dall'inizio, le iniezioni di modRNA sono altamente problematiche per la salute, sia per principio (mancanza di controllo della dose, attacco del sistema immunitario alle cellule che esprimono la proteina estranea) sia per ragioni specifiche ( la proteina spike è tossica), in una misura che avrebbe dovuto escluderne l'applicazione fin dall'inizio. E qui il cerchio si chiude su altri temi scientifici strumentalizzati politicamente. Perché chiunque fosse capace di una lettura significativa avrebbe potuto semplicemente leggere i fatti su questi problemi fondamentali. Tuttavia, non solo la percentuale di persone in Germania, anche e soprattutto nei media e nella politica, che sono in grado di leggere in modo significativo diminuisce costantemente. Purtroppo sta diminuendo anche la disponibilità di chi resta, che è ancora in grado di leggere con senso, di prendere atto di fatti che contrastano con le proprie convinzioni. E così, parti significative della politica e dei media in Germania continuano a sollecitare non solo un requisito generale di vaccinazione, ma anche una "svolta energetica" idealmente accelerata, seguita da ulteriori "svolta" come "agricola" o "trasporti". turnaround", tutti destinati al fallimento per ragioni altrettanto ovvie. Perché in Germania, l'ex terra di poeti e pensatori, il "giusto atteggiamento" abbia ottenuto una vittoria così completa sul discorso aperto e scientifico è una questione che i futuri storici potrebbero essere in grado di chiarire. Ma è già chiaro che alla fine vincerà la realtà. L'entità del danno causato dalla vittoria del "giusto atteggiamento" sul discorso critico diventerà evidente solo in futuro. Ma non c'è dubbio che sarà enorme.

 

Fonte:

https://www.achgut.com/artikel/mrna_impfungen_der_perfekte_sturm

La vaccinazione protegge o danneggia?

Vaccinazioni: cosa devo considerare?

L'aspirazione è superflua o garantisce la sopravvivenza?
Pfeil

... 2016 per la prima volta ... Lo STIKO sottolinea che l'aspirazione prima dell'iniezione non è necessaria e dovrebbe essere evitata con iniezioni intramuscolari per ridurre il dolore. ... Non ci sono state segnalazioni di lesioni al paziente dovute alla mancata aspirazione. 

 

Fonte: RKI

Pfeil

La vaccinazione non deve colpire una vena

 

Se vuoi vaccinarti, insisti sull'aspirazione vecchio stile.

    

Fonte: Deutsches Ärtzeblatt

Ora ci sono un numero allarmante di gravi effetti collaterali.

 

Queste iniezioni hanno un rendimento molto scarso nel confronto rischio-beneficio. Basta dire "no" alla prossima vaccinazione.

L'assicurazione sulla vita non deve pagare in caso di morte per vaccinazione corona.

 

Il ragionamento del tribunale in Francia: è un'iniezione sperimentale ed è quindi equivalente al suicidio.

Chi è vaccinato non è degno, né i non vaccinati sono colpevoli.

 

Ognuno, a modo suo, partecipa a uno sviluppo la cui fine non è ancora chiaramente visibile. I paradossi richiedono prudenza: C'è un'alta incidenza a Gibilterra nonostante un tasso di vaccinazione del 100% e una bassa incidenza in alcuni paesi non vaccinati. Sia l'effetto protettivo previsto per le persone vaccinate che la presunta suscettibilità per le persone non vaccinate richiedono quindi osservazione. Solo il tempo rivelerà la chiave della risposta.

Considera: la maggior parte di tutti i farmaci di nuova approvazione scompare silenziosamente dal mercato entro 5 anni.

Ad esempio: TAMIFLU ® e PANDEMRIX ® , acquistati sfusi, sono stati inceneriti.

L'UE finanzia il risarcimento dei danni da vaccinazione,

non i produttori dei prodotti, come di solito accade. Vengono pagati 1300 euro per danni senza conseguenze permanenti e 2700 euro al mese per danni consequenziali permanenti.

I migranti non ricevono vaccinazioni in Germania,

 

perché i loro paesi di origine - contrariamente all'UE - non concedono ai produttori alcuna esenzione di responsabilità.